DIGITALIZZAZIONE E LAVORO: Terzo episodio.

Con il terzo appuntamento della rubrica “Digitalizzazione e Lavoro” affrontiamo il delicato tema dei social network, i quali possono costituire materia di controllo da parte del datore di lavoro.

Trattandosi, infatti, di profili che generalmente sono pubblici e visibili a tutti, non sono rare le occasioni in cui il datore di lavoro operi dei controlli sulle pagine personali dei lavoratori, sia in una fase preassuntiva sia nel corso del medesimo rapporto di lavoro.

In tale contesto, però, è necessario distinguere tra le conversazioni che il lavoratore intrattiene attraverso i programmi di messaggistica istantanea (che, essendo privati, sono coperti da riservatezza) e le attività visibili da altri utenti che, invece, non sono coperte da alcun velo di riservatezza.

Un utilizzo improprio dei social network in alcuni casi può comportare anche delle ripercussioni disciplinari di rilevante valore, come il licenziamento.

Nelle slide di oggi quindi approfondiamo tale tematica, analizzando anche il caso del datore di lavoro che si finge un’altra persona per chattare con il lavoratore.

Seguici anche su Facebook e su instagram, visita il nostro sito http://www.puntolegaletov.com e, se hai dubbi o vuoi approfondire qualche aspetto del tuo rapporto di lavoro, scrivici a puntolegaletov@gmail.com.

Hai dubbi o vuoi metterti in contato con noi?

Scrivici a puntolegaletov@gmail.com oppure inviaci un massaggio su Whatsapp al +39 327 219 1488

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito web o un blog su WordPress.com

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: